RICORSO AL CONSIGLIO DI STATO CONTRO IL TAGLIO DEL FUN

Scritto da Pietro Perziani on . Postato in Il dirigente e lo staff

RICORSO AL CONSIGLIO DI STATO CONTRO IL TAGLIO DEL FUN

INTERVENTO AD ADIUVANDUM

L’UDIR apre le adesioni al ricorso gratuito contro il taglio del FUN 2017/2018; si chiedono 4.800 euro in media pro capite.

Nel nostro ultimo articolo, non a caso intitolato “LA TELENOVELA DEL FUN”, abbiamo messo in evidenza la causa strutturale dell’incapienza del FUN: il mancato finanziamento dell’assunzione dei nuovi Dirigenti Scolastici in occasione dell’espletamento dei diversi concorsi.

C’è però un’altra causa che incide pesantemente dall’ormai lontano anno scolastico 2011/2012: il taglio del FUN da parte del MEF in pretesa applicazione della Legge Tremonti del 2010.

Ricordiamo in breve: la Legge Tremonti ha stabilito il blocco degli stipendi dei pubblici dipendenti, ma il blocco per i Dirigenti Scolastici si è trasformato in taglio, perché il MIUR e il MEF hanno bloccato il conferimento al FUN della RIA dei pensionati; nel FUN 2017/2018 sono stati tagliati 32.599.140,48 euro.

Il taglio è del tutto illegittimo, anche i sindacati sono d’accordo, ma solo l’UDIR ha fatto qualcosa per cercare di recuperare il maltolto: ha presentato ricorso al TAR del Lazio contro il taglio, chiedendo che il FUN 2017/2018 venga incrementato dei 32.599.140,48 euro appena menzionati.

Il TAR del Lazio non ha rigettato il ricorso, ma nemmeno si è pronunciato: ha stabilito la propria incompetenza, affermando che il ricorso va presentato al giudice del lavoro.

La sentenza del TAR Lazio va giudicata in modo positivo, perché non ha giudicato infondato il ricorso, se ne è semplicemente lavato le mani, affermando la competenza del Giudice del Lavoro; l’UDIR ha perciò presentato ricorso al Consiglio di Stato, chiedendo che il TAR entri nel merito e vada a sentenza.

Molto importante: è possibile partecipare al ricorso, in modo del tutto gratuito, intervenendo ad adiuvandum; l’adesione va data entro il 15 febbraio (VEDI).

Per chi volesse approfondire l’argomento, rimandiamo al nostro articolo FUN 2017/2018.ILLEGITTIMA DETERMINAZIONE DA PARTE DEL MIUR (LEGGI)

UA-12945503-14