LA PARTE NORMATIVA DEL CONTRATTO

Scritto da Pietro Perziani on . Postato in Il dirigente e lo staff

LA PARTE NORMATIVA DEL CONTRATTO

L’ipotesi di accordo relativa al CCNL 2016/2018 all’art. 1, comma 9, stabilisce:

“Per quanto non espressamente previsto dal presente CCNL, continuano a trovare applicazione le disposizioni contrattuali dei CCNL delle precedenti aree V e VII e le specifiche norme di settore, ove incompatibili o non sostituite con le previsioni del presente CCNL e con le norme legislative, nei limiti del d.lgs. n. 165/2001.”

Il testo non è chiarissimo, ma si dice che rimangono in vigore le norme delle precedenti Aree contrattuali, la V e la VII, purché siano compatibili e non siano state sostituite dalle norme dello stesso contratto 2016/2018 e, naturalmente, non siano in contrasto con norme di legge; il tutto, nei limiti stabiliti dal D.Lgs 165/2001.

Per quanto riguarda i Dirigenti Scolastici, a sua volta il CCNL 2006/2009 dell’Area V, nella Premessa, al comma 6 stabilisce:

“Per quanto non previsto dal presente contratto collettivo, restano in vigore le disposizioni non disapplicate dei precedenti CCNL, nel rispetto della normativa contenuta nel Decreto legislativo n. 150 del 27/10/2009 e di quella adottata in attuazione del medesimo, che sono comunque fatte salve.”

Il CCNL 2006/2009 fa quindi riferimento ai precedenti CCNL, affermando che rimane in vigore quanto non disapplicato, nel rispetto naturalmente delle norme di Legge.

Questa stratificazione normativa, questo tornare all’indietro procedendo per scatole cinesi si arresta finalmente al CCNL 2002/2006 dell’Area V, che nella Premessa, al comma 6 stabilisce:

“Il presente CCNL…raccoglie, riordina e presenta in modo sistematico ed unitario anche tutte le disposizioni di fonte negoziale riferibili a contratti, accordi o interpretazioni autentiche fin qui intervenuti tra l’ARAN e le Organizzazioni sindacali di Area…

Le disposizioni contrattuali che seguono, pertanto, riportano tutte le norme di fonte negoziale vigenti, sia si tratti di nuove sia di precedenti, queste ultime modificate o meno…”

Il testo contrattuale del CCNL 2002/2006 riprende e riassume tutte le norme di origine contrattuale precedenti, per cui lo possiamo considerare il fondamento della normativa contrattuale tutt’ora vigente, perché è alla base della stratificazione normativa che si conclude con il CCNL 2016/2018.

Detta ina latro modo, le norme di base sono quelle del CCNL 2006/2009, i due contratti successivi le prendono a riferimento e stabiliscono soppressioni, modifiche o integrazioni.

Questa stratificazione normativa rende alquanto difficoltoso quale sia la normativa contrattuale rispetto ai diversi argomenti, per esempio il conferimento e il mutamento dell’incarico dirigenziale.

Per facilitare la comprensione dei diversi testi contrattuali tra loro interconnessi, abbiamo pensato di trasformare la stratificazione verticale delle norme in una sinossi orizzontale, che renda contigue le norme che riguardano lo stesso argomento.

Di seguito, riportiamo i diversi articoli contrattuali, raggruppati in Titoli, prendendo a riferimento la suddivisione fatta nel CCNL 2006/2009, data la sua natura di “base” della costruzione normativa.

Ricordiamo che i primi due contratti riguardano solo i Dirigenti Scolastici, l’Area V, mentre l’ipotesi di accordo 2016/2018 riguarda tutti i Dirigenti dell’Area C.

Titolo I-La funzione dirigenziale

I contratti dell’Area V si aprono, al Titolo I, con la definizione della funzione dirigenziale; nel primo contratto dell’Area C, quello che era l’apertura diventa…la chiusura:

CCNL 2002/2005

CCNL 2006/2009

CCNL 2016/2018

Titolo I – Definizione e contenuti della funzione dirigenziale

Titolo I – Definizione e contenuti della funzione dirigenziale

Titolo V - Norme speciali e finali

Art. 1 - Funzione dirigenziale

Art. 1 - Funzione dirigenziale nelle scuole e negli istituti Afam

Art. 52 Funzioni del dirigente scolastico

Art. 2 - Contenuti della funzione dirigenziale

 

 

La cosa è del tutto normale, perché il contratti riguarda anche gli altri dirigenti e la definizione della funzione del Dirigente Scolastico diventa una norma speciale.

TitoloIII-Il rapporto di lavoro

Nel Titolo Terzo viene definito il rapporto di lavoro:

CCNL 2002/2005

CCNL 2006/2009

CCNL 2016/2018

Titolo III – Rapporto di lavoro

TITOLO III RAPPORTO DI LAVORO

TITOLO III -RAPPORTO DI LAVORO

Art. 10 - Assunzione in servizio

 

Art. 11 - Conferimento dell’incarico

 

Art. 12 Linee generali in materia di conferimento degli incarichi dirigenziali

art. 12 - Contratto individuale di lavoro

Art. 6 - Contratto individuale di lavoro

 

Art. 13 - Personale in particolari condizioni di stato

Art. 7 - Personale in particolari posizioni di stato

 

Art. 14 - Periodo di prova

Art. 8 - Periodo di prova

 

Art. 15 - Impegno di lavoro

 

Art. 16 - Ferie e festività

 

Art. 13 Ferie e festività

Art. 17 - Mutamento dell’incarico

Art. 9 - Mutamento dell’incarico

Art. 14 Ferie e riposi solidali

Art. 18 - Mobilità professionale

 

 

Art. 19 - Incarichi aggiuntivi

Art. 10 - Incarichi aggiuntivi

 

Art. 20 - Verifica dei risultati e valutazione del dirigente

 

 

Art. 21 - La formazione del dirigente

 

Art. 24 Linee guida generali in materia di formazione

Come si vede, il testo del CCNL 2006/2009 fa da riferimento e gli altri due contratti introducono solo delle modifiche.

Titolo IV-Sospensione e interruzione del rapporto di lavoro

Nel Titolo IV viene normata la sospensione e l’interruzione del rapporto di lavoro; nell’ipotesi di accordo sotto un unico Titolo vengono raggruppate diverse materie, per cui la materia viene trattata nel Capo III; questa la sinossi:

CCNL 2002/2005

CCNL 2006/2009

CCNL 2016/2018

Titolo IV – Sospensione e interruzione del rapporto di lavoro

Titolo IV – Sospensione e interruzione del rapporto di lavoro

CAPO III – Sospensione e interruzione del rapporto di lavoro

Art. 22 – Assenze retribuite

 

Art. 15 Assenze retribuite

Art. 23 – Congedi parentali

 

Art. 16 Congedi per le donne vittime di violenza

Art. 24 – Congedi per motivi di famiglia e di studio

 

Art. 17 Congedi dei genitori

Art. 18 Aspettativa per ricongiungimento con il coniuge che presti servizio all’Estero

 

Art. 19 Unioni civili

 

 

Art. 20 Servizio militare

Art. 25 – Assenze per malattia

Art. 11 - Assenze per malattia

Art. 21 Assenze per malattia

 

 

Art. 22 Assenze per malattia in caso di gravi patologie richiedenti terapie salvavita

Art. 26 – Infortunio sul lavoro e malattie dovute a causa di servizio

 

Art. 23 Infortuni sul lavoro e malattie dovute a causa di servizio

Titolo V-Estinzione del rapporto di lavoro

La materia viene trattata praticamente solo nel CCNL 2002/2005, l’ipotesi di accordo del CCNL 2016/2018 non se ne occupa proprio; questa la sinossi:

CCNL 2002/2005

CCNL 2006/2009

CCNL 2016/2018

Titolo V – Estinzione del rapporto di lavoro

Titolo V – Estinzione del rapporto di lavoro

 

Art. 27 – Cause di cessazione del rapporto di lavoro

 

 

Art. 28 – Cessazione del rapporto di lavoro e obbligo delle parti

Art. 12 - Cessazione del rapporto di lavoro e obbligo delle parti

 

Art. 29 – Risoluzione consensuale del rapporto di lavoro

 

 

Art. 30 – Recesso dell’Amministrazione

 

 

Art. 31 – Nullità del licenziamento

 

 

Art. 32 – Termini di preavviso

 

 

Titolo VI-La responsabilità disciplinare

Nel Titolo Sesto viene normata la responsabilità disciplinare; per meglio dire, viene normata in modo particolareggiato a partire dal CCNL 2006/2009, per effetto della Legge Brunetta; questa la sinossi:

CCNL 2002/2005

CCNL 2006/2009

CCNL 2016/2018

Titolo VI – Istituti di particolare interesse

TITOLO VI RESPONSABILITA’ DISCIPLINARE

CAPO V RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE

Art. 33 – Comitato paritetico per le pari opportunità

Art. 13 - Principi generali

Art. 25 Principi generali

Art. 34 – Comitato paritetico per il mobbing

Art. 14 - Obblighi del dirigente

Art. 26 Obblighi del dirigente

Art. 35 – Procedura di conciliazione e arbitrato in caso di recesso

Art. 15 - Sanzioni e procedure disciplinari

Art. 27 Sanzioni disciplinari

Art. 36 – Responsabilità dirigenziale

Art. 16 - Codice disciplinare

Art. 28 Codice disciplinare

Art. 37 – Comitato dei garanti

Art. 17 - Sospensione cautelare in corso di procedimento disciplinare

Art. 29 Sospensione cautelare in corso di procedimento disciplinare

Art. 38 – Effetti del procedimento penale sul rapporto di lavoro

Art. 18 - Sospensione cautelare in caso di procedimento penale

Art. 30 Sospensione cautelare in caso di procedimento penale

Art. 39 – Sospensione cautelare in caso di procedimento penale

Art. 19 - Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale

Art. 31 Rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale

Art. 40 – Trattamento di trasferta

Art. 20 - Reintegrazione del dirigente illegittimamente licenziato

Art. 32 La determinazione concordata della sanzione

Art. 41 – Trattamento di trasferimento

Art. 21 - Indennità sostitutiva della reintegrazione

Art. 33 Norme finali in tema di responsabilità disciplinare

Art. 42 – Responsabilità civile e patrocinio legale

Art. 22 - Procedura di conciliazione non obbligatoria

 

Art. 43 – Normativa vigente e disapplicazioni

 

 

Titolo VII-Scuole italiane all’estero

Il CCNL 2002/2005 si conclude con il Titolo VII, che stabilisce la normativa per le scuole italiane all’estero, normativa che non viene più toccata nei contratti seguenti:

CCNL 2002/2005

CCNL 2006/2009

CCNL 2016/2018

Titolo VII – Disposizioni per le Scuole italiane all’estero

 

 

Art. 44 – Campo di applicazione

 

 

Art. 45 – La funzione del dirigente all’estero

 

 

Art. 46 – Destinazione dei dirigenti scolastici all’estero

 

 

Art. 47 – Sedi di destinazione all’estero

 

 

Art. 48 – Raccordo con le normative contrattuali nazionali e rel. sindacali

 

 

Art. 49 – Durata del servizio all’estero

 

 

Art. 50 – Disapplicazioni e mantenimento in vigore

 

 

Art. 51 – Foro competente

 

 

 

UA-12945503-14