UN CONTRATTO A COSTO ZERO

Scritto da Pietro Perziani on . Postato in Il dirigente e lo staff

UN CONTRATTO A COSTO ZERO

IL contratto appena firmato è un contratto che porta aumenti consistenti sulla retribuzione fissa grazie agli ingenti stanziamenti della Buona Scuola e della Legge di Bilancio, eppure è anche un contratto… a costo zero! Vediamo di capirci.

L’andamento del monte salari

Se noi prendiamo in esame il monte salari, quanto cioè l’insieme dei Dirigenti Scolastici italiani percepiscono e di conseguenza la somma che lo Stato spende per pagarli, e lo seguiamo nella sua evoluzione, avremo delle sorprese: il monte salari a regime sarà inferiore a quello dell’a.s. 2010/2011!

Prima di andare avanti, due avvertenze.

1.Noi consideriamo solo gli emolumenti che spettano a tutti, non teniamo conto degli emolumenti individuali, che del resto sono poca cosa.

2.Tutte le cifre riportate sono lordo dipendente.

Nella nostra analisi, partiamo dall’a.s. 2010/2011 perché è l’ultimo anno “normale”, dato che in questo anno ha trovato applicazione il CCNL 2006/2009 ed è l’ultimo prima del blocco degli stipendi stabilito della Legge Tremonti.

Il punto di arrivo è l’a.s. 2019/2020, quando il contratto appena firmato sarà a regime e contemporaneamente entreranno in servizio i vincitori del concorso attualmente in svolgimento.

Questo il monte salari nei due anni considerati:

Andamento monte salari

ANNO SCOLASTICO

MONTE SALARI

2010/2011

579.092.402,48

2019/2020

562.172.409,07

Sembra incredibile, ma nell’a.s. 2019/2020 il monte salari è inferiore a quello dell’a.s. 2010/2011, sono circa 17 milioni in meno.

Se si prende in esame il monte salari a legislazione invariata, escludendo cioè le risorse aggiuntive stanziate dall’Atto di Indirizzo, dalla Buona Scuola e dalla Legge di Bilancio, il monte salari diminuisce in modo molto più drastico:

Evoluzione monte salari a legislazione invariata

ANNO SCOLASTICO

MONTE SALARI

2010/2011

579.092.402,48

2019/2020

466.505.549,70

Lo Stato ha quindi risparmiato in questi anni una cifra molto consistente:

Monte salari a legislazione invariata

A.S. 2010/2011

A.S 2019/2020

DIFFERENZA

579.092.402,48

466.505.549,70

112.586.852,78

Cosa è successo?

Per capire, bisogna tener conto di tre fattori che interagiscono tra di loro:

-le risorse aggiuntive

-i tagli del MIUR

-il numero dei Dirigenti Scolastici in servizio.

Le risorse aggiuntive e i risparmi

Come già detto, nel contratto sono confluite ingenti risorse aggiuntive, per un ammontare di 100.924.989,16 euro; vediamole in modo analitico:

Risorse aggiuntive

 

L.D.

BUONA SCUOLA

25.292.672,35

LEGGE DI BILANCIO

69.374.187,02

ATTO DI INDIRIZZO

6.258.129,79

TOTALE

100.924.989,16

Sono più di 100 milioni.

Se mettiamo a confronto i risparmi di questi dieci anni con le risorse aggiuntive stanziate per il contratto, vediamo che lo Stato ci ha addirittura guadagnato:

Risparmi e stanziamenti

RISPARMI

STANZIAMENTI

DIFFERENZA

112.586.852,78

100.924.989,16

11.661.863,62

Lo Stato ha stanziato per il contratto circa 11 milioni in meno rispetto ai risparmi effettuati; a cosa sono dovuti tutti questi risparmi?

I tagli del MIUR e la diminuzione dei Dirigenti Scolastici

Dall’a.s. 2012/2013 all’a.s. 2016/2017 il MIUR ha tagliato gli stipendi di 58.931.174,98 euro e contemporaneamente i Dirigenti Scolastici sono diminuiti di 1.233 unità, sono passati da 9.169 a 7.936; i tagli e la contemporanea diminuzione dei Dirigenti Scolastici spiegano perché il monte salari sia calato in modo consistente.

Ecco perché possiamo dire che il contratto è a costo zero, in pratica lo Stato ha restituito i tagli effettuati negli ultimi anni: gli stanziamenti sono inferiori all’effetto combinato della diminuzione del numero dei dirigenti Scolastici in servizio e dei tagli del MIUR.

Una notizia buona comunque c’è: le retribuzioni dei Dirigenti Scolastici italiani in media pro capite sono aumentate:

Aumento media pro capite

ANNO SCOLASTICO

MEDIA PRO CAPITE

2010/2011

63.157,64

2019/2020

70.838,26

Come si vede, la media pro capite aumenta di circa 7.500 euro annui; merito degli aumenti contrattuali, ma anche…della diminuzione dei Dirigenti Scolastici!

UA-12945503-14