FACCIAMO IL PUNTO SUL TAGLIO DEGLI STIPENDI DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL LAZIO

Scritto da Pietro Perziani on . Postato in Il dirigente e lo staff

FACCIAMO IL PUNTO SUL TAGLIO DEGLI STIPENDI

DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DEL LAZIO

Siamo più volte intervenuti sul taglio degli stipendi dei Dirigenti Scolastici del Lazio, oggi facciamo il punto della situazione.

Nel Lazio non sono stati firmati i CIR (E meno male!) e l’USR ha emanato degli Atti Unilaterali per gli anni scolastici che vanno dal 2013/2014 al 2015/2016; non appena verranno applicati, i Dirigenti Scolastici del Lazio avranno la bella sorpresa…di una diminuzione dello stipendio!

E’ chiaro che si tratta di una cosa del tutto assurda, se solo si pensa che per il 2015/2016 la Buona Scuola ha stanziato circa 8.500 euro pro capite; questo stanziamento però non è stato sufficiente a recuperare quanto il MIUR ha “scippato” ai Dirigenti Scolastici del Lazio e di cui noi andremo a chiedere la restituzione al giudice del lavoro.

LA PERDITA DEGLI ANNI SCOLASTICI 2013/2014 E 2014/2015

Le perdite di questi due anni scolastici sono in media rispetto al resto d’Italia:

Perdita a.s. 2013/2014 e 2014/2015

FASCE

POSIZIONE

RISULTATO

TOTALE

PRIMA

-3.816,78

-606,85

-4.423,64

SECONDA

-3.181,77

-511,03

-3.692,81

TERZA

-2.546,85

-415,21

-2.962,07

QUARTA

-1.911,75

-319,40

-2.231,15

LA PERDITA DELL’A.S. 2015/2016

Le perdite per questo anno scolastico sono nel Lazio particolarmente pesanti, perché il MIUR ha scaricato su questo anno il recupero di quanto “indebitamente” percepito dai D.S. della regioni nei due anni precedenti:

Perdita anno scolastico 2015/2016

FASCE

POSIZIONE

RISULTATO

TOTALE

PRIMA

-5.280,14

-2.949,12

8.229,26

SECONDA

-4.446,43

-2.483,46

6.929,89

TERZA

-3.612,72

-2.017,82

5.630,54

Nota: la quarta fascia non c’è più

LA PERDITA IN TOTALE

Questa la perdita per i tre anni:

Perdita in totale

FASCE

POSIZIONE

RISULTATO

TOTALE

PRIMA

-9.096,92

-3.555,97

-12.652,89

SECONDA

-7.628,20

-2.994,50

-10.622,70

TERZA

-6.159,58

-2.433,03

-8.592,61

QUARTA

-1.911,75

-319,40

-2.231,15

LA PERDITA A REGIME

Questi tagli sono molto pesanti, ma si potrebbe dire: riguardano il passato, abbiamo perso un bel po’ di soldi, ma finalmente le cose sono a posto.

Non è affatto così, e nel Lazio la cosa sarà evidente, perché diminuirà lo stipendio mensile; c’è infatti una perdita molto più grave di quella una tantum appena indicata: una perdita strutturale, “ a regime”, che avrà effetti non solo sugli stipendi futuri, ma anche sulla pensione e la buonuscita.

Si potrebbe dire che si tratta di una perdita che produrrà i suoi effetti “vita natural durante”.

Anche in questo caso, noi abbiamo rifatto i conti; non possiamo in questo momento calcolare il danno regione per regione, per mancanza di dati, ma possiamo fare un calcolo a livello nazionale sulla base dei dati relativi all’a.s. 2015/2016: la perdita strutturale è pari a 4.597,59 euro annui, 353,66 euro mensili.

Sono cifre impressionanti, non vogliamo essere pessimisti, ma probabilmente nemmeno il prossimo contratto nazionale riuscirà a recuperarle.

IL RICORSO AL GIUDICE DEL LAVORO

Noi andremo a chiedere al giudice quanto indebitamente sottratto, le perdite cioè relative agli scorsi anni scolastici e quelle che sono maturate a partire dal 1 settembre 2016, ma soprattutto andremo a chiedere la restituzione della perdita strutturale. Oltre alle perdite degli anni precedenti, chiederemo cioè al giudice 350 euro al mese a titolo di elemento fisso dello stipendio, ivi compresi gli effetti su pensione e TFS.

COSA SUCCEDERA’ ADESSO?

Potremmo definire quanto sopra detto la “situazione di diritto”, ma cosa succederà concretamente non appena l’USR darà applicazione agli Atti Unilaterali?

La diminuzione dello stipendio mensile

Per prima cosa, come accennato in premessa, diminuirà lo stipendio mensile, perché diminuirà la posizione variabile negli importi sotto indicati:

Diminuzione stipendio mensile

FASCE

MESE

PRIMA

-162,54

SECONDA

-121,47

TERZA

-80,41

Il conguaglio per gli anni scolastici 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015

Non è facile capire cosa abbia fatto il MIUR e cosa intenda fare adesso l’USR del Lazio.

Per quanto riguarda l’a.s. 2012/2013, il CIR a suo tempo stipulato e messo in pagamento è stato considerato valido, né poteva essere altrimenti; gli Atti Unilaterali riguardano quindi i due anni scolastici successivi.

Per il MIUR i Dirigenti Scolastici hanno percepito in questi tre anni scolastici più del dovuto, ha infatti interrotto il pagamento mensile della retribuzione risultato ed ha anche tagliato per alcuni mesi la posizione variabile.

Questo però non è bastato, per cui quanto percepito in più in questi anni scolastici il MIUR l’ha detratto dal FUN relativo all’a.s. 2015/2016; il taglio ammonta a 3.412.398,61 euro.

Adesso si capisce perché nel 2015/2016 la posizione variabile diminuisce…

La questione di questi anni scolastici dovrebbe quindi essere chiusa, i Dirigenti Scolastici del Lazio non dovrebbero avere diritto a niente perché hanno percepito molto più di quanto loro dovuto e il loro “debito” è stato saldato con la decurtazione del FUN dell’a.s 2015/2016.

Per noi è una procedura assurda, che non tiene conto delle posizioni individuali, bastava stipulare regolarmente il CIR 2015/2016 e andare poi a conguaglio tra debiti e crediti, in base alla posizione individuale di ognuno.

Per quanto riguarda le reggenze, almeno queste dovrebbero essere pagate, perché non ci risulta che siano state liquidate.

Tanto per finire, diciamo che secondo noi il MIUR ha tagliato più del dovuto:

-circa 60.000 euro nel 2012/2013

-circa 30.000 euro nel 2013/2014

-circa 240.000 euro 2014/2015

Il Conguaglio per l’a.s. 2015/2016

Come detto, a partire dal 1 settembre 2015 diminuisce la posizione variabile e quindi bisognerà restituire quanto “indebitamente” percepito nello scorso anno scolastico e nella prima metà di quest’anno; ipotizziamo che l’Atto Unilaterale venga messo in pagamento a Marzo, questo è quanto i Dirigenti Scolastici del Lazio dovranno restituire:

Somme da restituire per posizione variabile

FASCE

A.S. 2015/2016

PRIMI SEI MESI A.S. 2016/2017

TOTALE

PRIMA

-2.112,97

-1.056,485

-3.169,46

SECONDA

-1.579,14

-789,57

-2.368,71

TERZA

-1.045,30

-522,65

-1.567,95

Dopo tante notizie negative, ce n’è una positiva: i Dirigenti Scolastici del Lazio devono percepire la retribuzione di risultato relativa all’a.s. 2015/2016, abbastanza consistente grazie alle risorse stanziate dalla Buona Scuola.

Ipotizziamo che si andrà ad un conguaglio tra somme da percepire e somme da restituire:

Conguaglio tra posizione variabile e risultato

FASCE

RISULTATO

POSIZIONE VARIABILE

CONGUAGLIO

PRIMA

+5.224,15

-3.169,46

+2.054,69

SECONDA

+4.399,28

-2.368,71

+2.030,57

TERZA

+3.574,42

-1.567,95

+2.006,47

Naturalmente, se gli Atti Unilaterali saranno applicati più tardi, la somma da restituire sarà maggiore; come dicevano Benigni e Troisi, non ci resta che piangere…O no?

 

UA-12945503-14